martedì 15 maggio 2018

Agricoltura e conservazione


Avevamo organizzato a febbraio un’escursione e un incontro con il direttore dott. Lorenzo Furlan, poi rinviata a causa maltempo.
Ora l’occasione si ripete per lunedì 21 maggio. Ritrovo davanti all’azienda alle 15:00
Partenza da TS alle 13:30 anche per razionalizzare la mobilità.
Attendiamo una vostra conferma, rispondendo a questa email.
Cari saluti
Alessandro Giadrossi

Lungo la costa adriatica tra Caorle e Bibione vi è un territorio con grande valenza naturalistica e ambientale per la presenza tra l’arenile e la pineta di uno dei maggiori sistemi dunali litoranei del Veneto: l’habitat di Vallevecchia, riconosciuto come ZPS e SIC.
L’area, di proprietà della Regione Veneto, è per 600 ettari adibita ad attività agricole.
Qui l'ente regionale Veneto agricoltura gestisce diverse linee di sperimentazione per individuare soluzioni per far convivere un'agricoltura innovativa e redditizia con una natura di pregio: agricoltura conservativa, agricoltura di precisione, difesa integrata, energie rinnovabili, uso sostenibile delle risorse idriche, sinergia tra aree coltivate e biotopi artificiali, tecniche biologiche per ridurre l’uso dei fitofarmaci.
Negli ultimi tre anni l’Ue, mediante due progetti Life (Agricare e Helpsoil), ha finanziato uno studio sulle tecniche di agricoltura conservativa (minima lavorazione, non lavorazione e strip-tillage) e uno sul miglioramento dei suoli e l'adattamento al cambiamento climatico attraverso tecniche di agricoltura conservativa sostenibili.


domenica 6 maggio 2018

Campagna WWF #SosAnimaliInTrappola


E' partita la campagna WWF #SosAnimaliInTrappola
per la lotta al bracconaggio
Numero solidale 45590* dal 6 al 20 maggio

In 40 anni abbiamo perso il 50% degli animali selvatici sul nostro Pianeta. Nel mondo ogni anno vengono massacrate oltre 100 tigri, in Italia ogni anno oltre 300 lupi e 6 milioni di uccelli, tutto illegalmente. Queste specie, insieme ad aquile, piccoli uccelli migratori e altri simboli della natura selvaggia,sono veri e propri ‘bersagli viventi’ per bracconieri e trafficanti. Perseguitate da tagliole,  veleni  e armi da fuoco, le specie simbolo del pianeta finiscono ogni giorno nella trappola dei criminali di natura. In loro difesa ci sono centinaia di eroi-ranger che, ogni giorno, rischiano la vita per sorvegliare il territorio, eliminare le trappole e scovare i criminali.

Anche l’Italia è un paese ‘trappola,’ con decine di aree “calde” per il bracconaggio. In questa lotta quotidiana in difesa della biodiversità il WWF ha aperto da oggi una gara di solidarietà per aiutare le specie più a rischio e chi le difende: con la Campagna “SOS Animali in trappola” chiede aiuto attraverso il numero solidale 45590* attivo dal 6 al 20 maggio.

Con i fondi raccolti il WWF potrà finanziare la difesa attiva sul territorio dando più strumenti alle sue Guardie volontarie e ai loro ‘colleghi’ ranger in Asia, essi stessi vittime della criminalità organizzata, con attrezzature e tecnologie più sofisticate per monitorare e proteggere tigri e altre specie in pericolo. Il WWF vuole, infatti, incrementare il numero di campi antibracconaggio nelle aree ‘calde’ per i crimini di natura in Italia assicurando una sorveglianza capillare, anche con l’aiuto di camera-trap, distruggendo archetti, lacci e altri tipi di trappole, sequestrando armi illegali e altri strumenti di morte, salvando così la vita di migliaia di animali. Il WWF potrà anche proseguire nelle sue azioni legali contro i bracconieri colti in flagrante. 

martedì 1 maggio 2018

11 e 12 maggio: Sulle tracce degli orsi in Friuli Venezia Giulia


Il WWF Trieste, in collaborazione con l’ASD Outdoor Reporters, organizza due appuntamenti sul tema della presenza degli orsi nella nostra regione.

Sulle Tracce degli Orsi in Friuli Venezia Giulia – storie e itinerari
Conferenza di Gabriele Menis, fotoreporter e fondatore dell’ASD Outdoor Reporters
Venerdì 11 maggio, ore 18.00, presso il
Circolo Canottieri Adria (Pontile Istria, 2)
entrata libera fino a esaurimento posti
Anni di studio, appostamenti e monitoraggi hanno permesso di raccogliere tantissimi dati che ben descrivono le abitudini e il comportamento dei plantigradi che da secoli fanno la loro comparsa nel territorio regionale, causando spesso tensioni con gli allevatori locali. E’ l’eterno contrasto tra l’uomo e le sue attività e gli animali selvatici privati del loro areale naturale. I risultati sono raccolti in un libro, di cui Gabriele è coautore assieme a Stefano Filacorda, ricercatore dell’Università di Udine.

L’amico Gabriele ci emozionerà con video e foto delle spedizioni di “caccia” e ci farà conoscere gli strumenti e le astuzie per riuscire ad immortalare gli evasivi plantigradi e seguirli nei loro spostamenti. Verranno anche descritti alcuni itinerari dove gli orsi sono stati avvistati o hanno lasciato le loro tracce: sono percorsi attraverso luoghi suggestivi, la cui bellezza viene risaltata dalle foto scattate da Menis.
Con questo incontro il WWF Trieste vuole dare un contributo al miglioramento della conoscenza dei grandi mammiferi selvatici, che, unita alla sensibilizzazione e al rispetto dell’ambiente, potrà favorire una convivenza pacifica e assicurare la sopravvivenza degli orsi nei nostri boschi.

Escursione alla ricerca delle tracce degli orsi
Sabato 12 maggio
Continueremo a seguire le tracce degli orsi questa volta sul campo: nella splendida cornice delle Prealpi Giulie: