martedì 21 luglio 2015

Punto informativo MEdiTErraneo: Il WWF Trieste all’Ausonia

Fino a metà settembre è aperto all’Ausonia il Punto informativo MEdiTErraneo del WWF Trieste, dove i nostri volontari sono presenti per distribuire materiale divulgativo. Venite a trovarci con i vostri bambini, che, tra un tuffo e l’altro, potranno consultare libri con storie di mare,  per imparare a conoscere, amare e rispettare le creature marine e il loro ambiente. I nostri volontari saranno lieti di accogliervi.

L’iniziativa si inquadra nella campagna WWF ‘MEdiTErraneo’.

Il Mediterraneo è un mare piccolo, dal ricambio estremamente lento: 80-90 anni per le acque superficiali, mentre si stima che l’intero volume venga rinnovato in un arco di tempo di circa 7.500 anni, eppure è talmente ricco di biodiversità da essere considerato tra i più importanti ecosistemi del mondo.

Ma cosa c’è di noi nel Mediterraneo? L’inquinamento in tutte le sue forme.

Il Canale di Sicilia e l’Adriatico sono costellati da piattaforme per l’estrazione metanifera e petrolifera. La plastica e i rifiuti di ogni genere che non ricicliamo finiscono da terra al mare e si trasformano per azione delle onde in microframmenti, che vengono mangiati dai pesci e da altri organismi marini, che a nostra volta mangiamo.

In mare riversiamo sostanze chimiche e liquami. Le troppe reti pescano più di quanto il nostro Mediterraneo sia in grado di produrre, senza contare i problemi legati all’eccessiva cementificazione delle coste e ai traffici marittimi.

Di noi, sfortunatamente, in mare c’è troppo perché la straordinaria biodiversità mediterranea continui a vivere, anche per noi. Difendiamo il mare e teniamolo pulito, dipende anche dai nostri piccoli gesti quotidiani.

Nessun commento:

Posta un commento