lunedì 17 marzo 2014

"VIVERE NEI LIMITI DI UN SOLO PIANETA. Per una nuova economia: mettere in conto la natura" - incontro con Gianfranco Bologna

"VIVERE NEI LIMITI DI UN SOLO PIANETA.
Per una nuova economia: mettere in conto la natura"
martedì 18 marzo alle 19.30 presso la sala IAL dell'Europalace Hotel di Monfalcone (via C.Cosulich, 20).

Interverrà GIANFRANCO BOLOGNA, biologo, saggista, direttore scientifico del WWF Italia e e segretario generale della Fondazione Aurelio Peccei, che rappresenta il Club di Roma in Italia. E’ stato anche membro del Club di Roma per un mandato sotto la presidenza di Alexander King. Svolge da 40 anni attività di divulgazione, di didattica e di progettualità sui temi della conservazione della natura e della sostenibilità. Ha scritto diversi libri e enciclopedie sulla natura e diversi volumi sui problemi della sostenibilità, tra i quali “Pianeta Terra” (Giorgio Mondadori, 1990), “Nelle nostre mani” (Giorgio Mondadori, 1993), “Italia capace di futuro” (EMI, 2000), “Invito alla sobrietà felice” (EMI, 2001), “Manuale della sostenibilità. Idee, concetti, nuove discipline capaci di futuro” (Edizioni Ambiente, seconda edizione 2008). Cura dal 1988 l’edizione italiana del rapporto mondiale “State of the World” del Worldwatch Institute ed è inoltre curatore delle edizioni italiane di decine di volumi di importanti studiosi di fama internazionale che si occupano di queste tematiche (da Lester Brown a Paul Ehrlich, da Amory Lovins a Norman Myers ecc.) e di diversi rapporti internazionali. Nel 1996 ha curato l’edizione italiana del classico volume di Mathis Wackernagel e William Rees, “L’impronta ecologica”, con la presentazione del primo calcolo dell’impronta ecologica dell’Italia. E’ stato esperto non governativo nelle delegazioni dell’Italia alla Conferenza ONU Ambiente e Sviluppo di Rio de Janeiro nel 1992 e al Summit ONU sullo Sviluppo Sostenibile di Johannesburg nel 2002.

 Con Bologna dialogherà il prof. FRANCESCO MARANGON, del Dipartimento di Scienze economiche e statistiche dell'Università di Udine.

Nessun commento:

Posta un commento