giovedì 4 agosto 2016

Comunicato stampa sulla sicurezza dei traffici di merci pericolose

Trieste, 3 agosto 2016
La recente vicenda del camion cisterna (stra)carico di metano liquido, ora confinato presso l'aeroporto di Gorizia, ci ripropone la questione della sicurezza dei traffici di merci pericolose, ed un inquietante interrogativo: è possibile – come si legge oggi – che in un porto europeo qualcuno possa sovraccaricare un'autocisterna oltre i limiti di sicurezza, per poi metterla in circolazione sulle autostrade?
I criteri applicati nella progettazione degli impianti per la ricezione, stoccaggio e rigassificazione del GNL – sono due i progetti pendenti in regione – avranno tenuto conto di questi comportamenti anomali, per non dire criminali? Il Comitato tecnico regionale, che ha dato il suo nulla-osta in entrambi i casi, ha spinto le sue analisi oltre al perimetro dell'impianto ed ha tenuto conto del « fattore umano »? Oggi plaudiamo all'ipotesi del trasferimento a Monfalcone del terminal della linea di traghetti per la Grecia, nell'ambito di una gestione unitaria dei nostri due maggiori porti regionali. Le due tipologie di traffico sono compatibili?
Dal momento in cui entrambi i progetti furono presentati al pubblico (Trieste nel 2006, Monfalcone nel gennaio 2014) è venuta meno l'urgenza che motivava il proliferare di progetti per queste infrastrutture : i consumi si sono stabilizzati, il costo dei combustibili fossili è crollato e l'analogo impianto di Livorno (entrato in funzione nel 2013) rigassifica poco o niente mentre quello di Porto Viro a stento gira a mezzo regime. Il fatto di cronaca ricordato poc'anzi può essere lo spunto per rimettere in discussione in primis la sicurezza, ma anche la strategicità, dei nostri rigassificatori.
Analogamente a quanto fatto dalla Provincia di Trieste e dal Comune di Muggia, riteniamo che sia giunto il momento per cui la giunta regionale e quella nuova del Comune di Trieste si attivino a livello ministeriale per l’azzeramento delle attuali proposte.
WWF Trieste
Comitato per la salvaguardia del Golfo di Trieste

Legambiente Trieste

Nessun commento:

Posta un commento