giovedì 17 marzo 2016

Referendum Trivellazioni - Comunicato Stampa del WWF Italia


REFERENDUM: WWF, INVITO A NON VOTO OFFENDE I CITTADINI E DIMOSTRA MANCANZA ARGOMENTI COMITATO DEL NO

“L’invito a non andare a votare da parte del comitato per il No al Referendum del 17 aprile offende i cittadini italiani i quali hanno il diritto di esprimere il proprio voto su questioni fondamentali per il destino del nostro Paese e per il futuro dei propri figli e dimostra la mancanza di argomenti dei pasdaran delle trivelle”. Lo dichiara Dante Caserta, vice Presidente del WWF Italia, che conclude: “Sui temi sensibili di rilevanza ambientale, gli italiani si sono espressi sempre a grande maggioranza per il SI all'abrogazione di norme che minaccino il grande patrimonio naturale che rende ricco il nostro Paese".

“La nostra Penisola è praticamente imbrigliata da strutture operative legate al ciclo del petrolio e degli idrocarburi, sono 12 le raffinerie, 14 i porti che movimentano prodotti petroliferi e petrolchimici, 50 i depositi strategici di oli minerali che assediano le coste italiane. Sono 69 le piattaforme petrolifere a mare e 40 sono i permessi di ricerca che condizionano il nostro futuro: tutto questo ha delle conseguenze sulla qualità delle acque del nostro mare, meta di destinazione privilegiata dei flussi turistici di milioni di turisti italiani e stranieri - spiega -. Non sono solo gli incidenti ma anche le operazioni di routine dei depositi, degli scali costieri, delle piattaforme petrolifere a provocare un costante avvelenamento, persistente e duraturo del nostro splendido bacino del Mediterraneo, come dimostra il fatto che la densità media del catrame pelagico (in mare aperto) depositato nei nostri fondali raggiunge una densità di 38 mg per metro quadrato: tre volte superiore a quella del Mar dei Sargassi, che è al secondo posto di questa classifica negativa con 10 mg per metro quadrato”.
"Anche rispetto allo spreco di denaro pubblico, evidentemente, il Comitato del No sbaglia indirizzo: quella è una responsabilità esclusiva del Governo che ha rifiutato la richiesta (più che ragionevole) di accorpare il referendum con le elezioni amministrative che si svolgeranno dopo qualche settimana nelle principali città italiane - conclude -. Invitare a disertare il voto significa aggiungere al danno già fatto dal Governo anche la beffa democratica espropriando i cittadini del diritto di decidere”.

TUTTI I MOTIVI PER DIRE SI’ SUL SITO DEL WWF CON DOSSIER E APPROFONDIMENTI http://www.wwf.it/unmaredisi.cfm

Roma, 16 marzo 2016
Ufficio Stampa WWF Italia

1 commento:

  1. votiamo sì per un mondo libero da fonti energetiche fossili,spazio finalmente alle rinnovabili!

    RispondiElimina