sabato 15 febbraio 2014

Taglio alberi: la posizione del WWF Trieste

Il WWF Trieste con una lettera del suo presidente, l’avvocato Alessandro Giadrossi, indirizzata al sindaco di Trieste ha chiesto l’immediata sospensione dell’abbattimento di alberi monumentali al quale, impotenti, abbiamo assistito in questi giorni.
La lettera è stata pubblicata sul sito dell’associazione. L’associazione vuole che sia fatta immediata chiarezza sulle ragioni che hanno condotto l’amministrazione comunale e, in particolare il suo dirigente del verde pubblico, ad assumere questa decisione.

Non convincono le ragioni di sicurezza della pubblica incolumità. Prima di continuare nel taglio di alberi che costituiscono la memoria della città andrà rivalutata la decisione dopo un confronto con altri esperti.

Andrà poi rivista completamente la gestione del verde cittadino. Se è vero che trecento alberi sono divenuti pericolosi una ragione dev’esserci. Le potature sono state negli anni errate? Molti lo affermano.  Gli alberi, poi, sono ridotti a vivere ristretti tra asfalto, parcheggi di automobili e le loro radici costantemente tagliate durante i lavori di manutenzione delle reti nel sottosuolo.
Una decisione dev’essere presa. Vogliamo che i viali del capoluogo continuino ad essere alberati e che possano così esplicare le loro importanti funzioni ecologiche ? Sacrifichiamo leggermente, ove necessario,  ad esempio la viabilità e consentiamo ai tronchi di non essere posizionati lungo il bordo stradale.
E’ stato di recente richiesto dal servizio strade del Comune di tagliare un bellissimo platano posto lungo la via Flavia, all’incrocio con la via Brigata Casale. Le radici hanno sollevato leggermente il manto stradale e rotto il cordolo del marciapiede. Un sopralluogo è stato chiarificatore.  L’asse stradale scorre a pochi centimentri da sei platani. Il problema si porrà a breve per tutti questi alberi. Li tagliamo o rivediamo leggermente la carreggiata stradale?  Una sua rimodellatura non farebbe che migliorare la sicurezza stradale di un’asse di scorrimento urbano che negli anni, per la velocità di chi la percorre, è stato teatro di gravissimi incidenti.
Prima di tagliare si rifletta attentamente su quali interessi oggi prevalgono.
 Lettera del Presidente WWF Trieste al Sindaco: QUI

Nessun commento:

Posta un commento